Ultime Notizie


CONCLUSO AL MONVISO SPORTING CLUB IL MACROAREA

Monviso Sporting Club di Grugliasco ancora sotto i riflettori dal punto di vista delle organizzazioni con quella della 5.a tappa del Circuito FIT Babolat di macroarea nord-ovest.
Un’ intensa settimana sui campi del circolo piemontese con ben 325 iscritti negli otto tabelloni di categoria under 10-12-14-16, maschili e femminili, provenienti da Piemonte, Lombardia, Liguria e Valle d’Aosta. E sono stati i portacolori dei circoli delle prime due regioni citate a farla da padroni arrivando in massa alle battute decisive della contesa, con tanto di doppio turno (semifinali e finali) andato in scena a causa delle cattive condizioni meteorologiche dell’ultima parte di torneo.
Il tabellone più numeroso è risultato al termine quello degli under 14 al maschile, con 80 partenti, seguito da quello under 12 con 72. Nel settore rosa le più presenti al via sono state le tenniste inserite nel quadro under 12 (33).
Prendiamo in esame due delle 8 finali, limitandoci ai vincitori per quanto concerne le altre. Quella under 14 femminile tra Chiara Fornasieri, prima testa di serie, classificata 2.8 e tesserata per lo Sporting Borgaro, una tra le migliori d’Italia nella sua categoria, e Greta Schieroni, 3.4 dell’Area Tennis Academy di Torino che è stata la sorpresa del suo tabellone grazie ad alcuni risultati positivi centrati nel corso del suo cammino contro avversarie sulla carta più quotate. Fornasieri perfetta fin dalle prime battute di gara, con punteggio del primo set fissato sul 6-2 grazie ad un gioco che partita dopo partita si completa con trame da fondo campo abbinate a soluzioni complete sul terreno di gara. La Schieroni ha provato a reagire e in alcuni frangenti è riuscita a giocare ad armi pari contro la quotata rivale, ottenendo anche quindici di buona fattura che ne lasciano intendere il potenziale in chiave futura. Ma anche la seconda frazione ha avuto quale costante la regolarità della Fornasieri, sempre pronta a riprendere il comando delle operazioni non appena le situazioni lo hanno richiesto, per un nuovo 6-2 e la conquista del titolo.
Passiamo ora al testa a testa di maggior caratura tecnica dell’intero macroarea nella categoria under 16 maschile tra Gianluca Bellezza, prima testa di serie e portacolori del TC Caselle, dotato come miglior arma di un gran diritto, e Riccardo Rubietti, tennista dell’AS Le Pleiadi dotato di gran fisico, ottima propensione all’agonismo e partito dai blocchi quale numero 2 del seeding.
La prima parte di confronto ha visto Gianluca Bellezza dominare in lungo e in largo, approfittando anche di un Rubietti apparso sottotono in questa sezione. Il tutto ha prodotto in secco 6-0 in favore del primo che pareva così avviato verso una facile conclusione. Invece è stato Rubietti ad invertire la rotta, alzare le percentuali di punti portati a felice conclusione e ridurre gli errori gratuiti. Così i due hanno camminato di pari passo fino al tie-break. Qui è stato ancora una volta Bellezza a fare la differenza, come nel primo set, e concludere vittoriosamente la contesa con lo score complessivo di 6-0 7-6, per la conferma di un’ottima settimana di gioco. In semifinale era stato Davide Carcano, quarta testa di serie e giocatore emergente dell’Ace Tennis Center di Volvera, a sfiorare l’impresa proprio contro Bellezza e cedere solo al terzo set.
Gli altri titoli sono andati a Filippo Urbani della Sisport nell’under 14 maschile; a Gianluca Filoramo del TC Villasanta nell’under 10; a Federico Scotuzzi del Vavassori Tennis Team negli under 12. In campo femminile a Eleonora Carrara della Scuola Tennis Bigi di Bergamo nella categoria under 12; a Chiara Matteodo del New Manta Tennis Club nell’under 16; ad Agnese Tavera del DLF Alessandria tra le più piccole.